UN TEMPO C’ERA LA NEVE

La nostalgia di quello che è stato.

Quanti ricordi di anni fa si affacciano oggi alla memoria. Cose scontate, attese, come la nevicata invernale, la comparsa delle prime formiche che annunciavano la primavera, le violette, riti e luci e odori che si ripetevano di anno in anno.

E oggi li sento fuggire perché è infranta la regola di ciò che è, di ciò che sarà.

L’Oggi perde i ricordi del passato perché lontani e non si nutre di aspettative sul futuro visto che neppure su neve e formiche possiamo contare. Nessun ciclo. Nessuna ripetizione attesa confortante.

167_1

E così tra le persone: nessuna sicurezza di rapporto di amicizia o di amore o di rispetto, anzi la positiva e strabiliante ricerca della costanza, di ciò che speriamo sia, in ogni interazione; nel lavoro: dove si ricomincia ogni volta apparentemente ed emotivamente da zero, ma con memoria della stanchezza e della fatica. E il tempo passa e le cose mutano perché è giusto che sia così.

Ma all’interno di questi mutamenti dove sono finite le costanti? E ormai è primavera. E qui non c’è stata la neve. E sento che mi toccherà meno. L’aria frizzante poi tiepida non lascia più memoria sulle mie guance. Mentre sento, più che ritrovare nella memoria,   che altro è stato ed era.

E mi manca la neve. E mi mancano quei tempi. E mi manca l’attesa. E via con il turbinio degli impegni.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...