11 SETTEMBRE, 14 NOVEMBRE, 20 ANNI FA …

12

Dopo gli eventi di Parigi del 14 Novembre 2015, che ho seguito in diretta, con la pelle d’oca, ho provato quel senso di sospensione  e fredda lucidità e allerta che altre volte nella mia vita ho provato.

Il giorno dopo ho fatto girare  su WhatsApp, come tanti altri, il messaggio che segue:

“Ricevo e trasmetto: Avviso per tutte le nazioni, etnie e religioni diverse: questa sera, alle h. 22, accendiamo una candela su tutte le finestre delle abitazioni come solidarietà per il popolo francese … e condanna per il massacro avvenuto!

Siamo tutti fratelli! Ovunque lo spirito di vita … e non bagliori di morte! Passaparola … “

E ho acceso una candela la sera … con quel senso di calore e bisogno di condivisione con una umanità vera.

Continua a leggere

PICCOLE COSE – premessa

farfalla - premessa Piccole Cose

                                                                                                                                                Ci sono piccole cose che ogni giorno ci ridanno il senso della nostra vita.

Non voglio dimenticarle e farle confluire in un flusso indistinto di eventi, un flusso che prende il colore del mood della giornata … ogni evento è prezioso e va separato dagli altri perché ha un suo valore.

Non voglio confluisca in una “media”…

IL SENSO DELLA VITA, NELL’INCONTRO FRA DUE ANIME

due amiche al parco

Una delle cose più belle, rare e preziose, è l’incontro inaspettato di due anime, l’avvicinarsi di due mondi e di due storie di vita. Anche se per pochi minuti.

È l’affacciarsi su un giardino segreto e lo specchiarsi negli occhi di una persona quasi estranea e scoprirla così vicina alla nostra realtà e alla nostra lettura della vita da sentire che ci capiamo, che ci possiamo donare le nostre storie e i nostri significati. E di colpo le parole di ogni giorno  acquisiscono un senso.

Per ognuna di noi.

Ci si scopre nel racconto di sé perché c’è una persona affine a te che ti sta ascoltando. Per un breve e lunghissimo attimo. Un abbraccio finale .Per poi proseguire la nostra strada. Un evento prezioso che mi è accaduto oggi e che mi fa sentire un grande calore nel cuore anche se far riaffiorare ricordi ed emozioni profonde è fonte di sofferenza e di scombussolamento. Ma mi riconosco non sola, affine a qualcuno, compresa e capace di comprendere, vera come si è solo nella sofferenza.

Ringrazio l’universo per questa breve congiuntura. E ognuno riprende il cammino. Più forti e più fragili, più veri, più che nell’amicizia o nell’amore, in un magico momento che dà senso alla vita, colmo di rispetto e dignità. Grazie.

E INIZIA IL FARE

La luce fioca della prima alba si diffonde calda e lenta sul buio della notte con una promessa di nuove opportunità, di nuovi incontri, di nuove esperienze …
Esita.
E per lunghi istanti sembra non procedere affatto.
E il respiro si ferma nel dubbio.
Mille emozioni affluiscono. E mi distraggo sui miei pensieri.
Ed è giorno.
La luce è certa ora.
La poesia dell’attesa si è spenta …
E inizia il fare.

LA CODA DEL MIO GATTO

foto del gatto

Mi piace aprire le tapparelle e trovare il mio gatto Dolce che mi aspetta fiducioso anche per ore in quella posizione a libretto con zampe ripiegate sotto, perfetta.
Entra baldanzoso parlandomi e si avvia veloce verso la cucina e le ciotole..e poi?

Un ripensamento! Torna indietro e mi si struscia lentamente sulle gambe mentre le parlo. Con la sua testa ad occhi chiusi sbatte più volte contro di me e lentamente mi accarezza con tutto il suo corpo fino alla coda .

Poi riparte con la coda che è dritta si’ ma più è felice e più tende a farsi un ricciolo in avanti, piegato verso il dorso, il vessillo della felicità felina…e sarà una buona giornata.